fusioni

 


ORARI E LUOGHI WORKSHOP:
> Giovedì 22 Giugno
● Workshop Renate Graziadei
15:00 - 17:00
(Studio Blu)
● Workshop Kurt Koegel
18:00 - 20:00
(TDL 18:00 alle 19:00; site specific 19:00-20:00)
● Spettacolo 21:00
(TDL)

> Venerdì 23 Giugno
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 14:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
16:00 - 20:00
(Studio Blu e site specific)
● Spettacolo 21:00
(TDL)

> Sabato 24 Giugno
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 14:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
16:00 - 20:00
(Studio Blu > workshop showing ore 19:30 site specific)
● Spettacolo 21:00
(TDL)

> Domenica 25 Giugno
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 13:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
14:00 - 17:00
(TDL con post elaborazione video)

LUOGHI:

Studio Blu, Via Cadorna 18, Sesto Fiorentino (FI) 055440265
TDL, Teatro della Limonaia, Via 426, Sesto Fiorentino (FI)

DURATA TOTALE dei due workshop: 26 ORE

PER PARTECIPARE:

WORKSHOP KURT KOEGEL
Questo workshop é per chi vuole migliorare la propria esperienza di danza e a chi vuole avvicinarsi a un lavoro di ascolto del corpo ampliando il piacere nel radicamento al momento presente. E’ rivolto a danzatori di qualsiasi livello. (Basta mandare una mail di adesione).

WORKSHOP RENATE GRAZIADEI
Per danzatori/performer, professionisti e semiprofessionisti, o chi vuole perfezionare l’uso della danza nella composizione istantanea. E’ richiesto il vostro C.V. con esperienza di danza (riceverete risposta entro 5 giorni).

COSTI:
solo Workshop Renate Graziadei € 120,00
solo Workshop Kurt Koegel € 120,00
tutte e due workshop € 200,00

ISCRIZIONE per e-mail a:
companyblu@companyblu.it

SCHEDA ISCRIZIONE

INFO:
companyblu@companyblu.it
+39 055 440265
+39 328 6699457


FUSIONI Improv.fest 2017
WORKSHOP INFORMATION

WORKSHOP HRS.
> Thursday 22, June
● Workshop Renate Graziadei
15:00 - 17:00
(Studio Blu)
● Workshop Kurt Koegel
18:00 - 20:00
(TDL 18:00-19:00; site specific 19:00-20:00)
● Performance
21:00
(TDL)

> Friday 23, June
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 14:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
16:00 - 20:00
(Studio Blu and site specific)
●Performance
21:00
(TDL)

> Saturday 24, June
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 14:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
16:00 - 20:00
(Studio Blu > workshop showing hr 19:30 site specific)
● Performance
21:00
(TDL)

> Sunday 25 June
● Workshop Renate Graziadei
10:00 - 13:00
(TDL)
● Workshop Kurt Koegel
14:00 - 17:00
(TDL with post elaboration video)

26 TOTAL HRS. of the two workshops

TO PARTECIPATE:
WORKSHOP KURT KOEGEL
offered for dancers of every ability level, and who ever is interested to nurture personal choice and fulfillment in ensemble theater/dance work – in studio and on-site.

WORKSHOP RENATE GRAZIADEI
For professional, semiprofessional dancers/performers, or for who is interested to perfect their use of instant composition in dance. Please send Curriculum with dance experience. (You will receive a response within 5 days).

FEES:
Workshop Renate Graziadei € 120,00
Workshop Kurt Koegel € 120,00
both workshops € 200,00

REGISTRATION by e-mail to:
companyblu@companyblu.it

REGISTRATION FORM

INFORMATION
companyblu@companyblu.it
+39 055 440265
+39 328 6699457

FUSIONI Improv.Fest 2017

22 > 25 June

WORKSHOP con Renate Graziadei
IMPROVVISAZIONE E COMPOSIZIONE
aperto a professionisti, semiprofessionisti base di tecnica della danza

WORKSHOP with Renate Graziadei
IMPROVISATION AND SPONTANEOUS COMPOSITION
open to professionals, semiprofessionals with a strong base of dance technique

WORKSHOP con Kurt Koegel
PERSONIFICAZIONE E RELAZIONE NELLO SPAZIO
rivolto a danzatori e amatori di qualsiasi livello

WORKSHOP WITH Kurt Koegel
EMBODIMENT AND CONNECTION IN SPACE
offered to dancers of every ability level, nurturing personal choice
and fulfillment in ensemble theater/dance work – In studio and on-site.

 


RENATE GRAZIADEI

WORKSHOP con RENATE GRAZIADEI
Improvvisazione e composizione
Il workshop verte su una ricerca di movimento e di danza come arte indipendente, capace di dialogare con gli altri linguaggi artistici sulla base della coreografia in tempo reale.

La ricerca inizierà ogni giorno con un riscaldamento che utilizza varie forme della danza contemporanea e incorpora principi del movimento che dialogano con la struttura del corpo umano, come l’allineamento, per dirigere i partecipanti verso flessibilità, fluidità e verso una comprensione personale del muoversi con efficienza.
Dopo il riscaldamento cominceremo ad esplorare diversi aspetti del mondo dell’improvvisazione. Il mio intento sarà di focalizzarsi su argomenti che includano la pratica dell’improvvisazione e della composizione spontanea, e che siano leggibili per il pubblico.
Affronteremo alcuni degli strumenti principali che portano a sviluppare un linguaggio personale e allo stesso tempo comune, come base di accesso per tutto il gruppo. La esatta forma che il seminario prenderà sarà in base all’esperienze delle persone presenti e le esperienze che porto con me.
La ricerca verterà anche sull’osservazione e lo scambio verbale, in modo da condividere come e se i momenti d’improvvisazione e di composizione spontanea siano stati funzionali o no.


WORKSHOP with RENATE GRAZIADEI
Improvisation and Spontaneous Composition

The workshop will focus on the research work on movement and dance as an independent art, which can communicate with other artistic languages, as well as, open up possibilities to dialogue and create real-time choreography.

Each day of the research will start with an hour warm-up utilizing aspects of several contemporary dance forms incorporating movement principles that deal with the the human body’s structure. The warm-up will focus on elements of basic alignment principles to direct the participants toward flexibility, fluidity and a personal understanding of moving with efficiency.
After the warm up we will start to explore many different aspects of the world of Improvisation. would like to focus on topics that involve the practice of improvising and creating spontaneous compositions which are readable for an Audience.
We will touch some basic and essential skills, as a way, to develop a personal and at the same time common language as a foundation for the group. The exact form the workshop will take, will have to do with the people and their experiences I will meet, as well as the experiences I will bring with me.
Not only the dancing and doing will be part of this research, but also the watching and verbal exchange, so that we are able to share, why an improvisation/ spontaneous composition was successful or not.

 


Renate Graziadei (Altach – Austria, 1970)
Inizia la sua formazione in Svizzera. Si trasferisce poi a New York, dove studia e lavora per tre anni come danzatrice per la compagnia Nina Wiener. Subito dopo il ritorno in Europa, lavora con Rui Horta al S.O.A.P. Dance Theatre di Francoforte a cui segue la collaborazione con il gruppo COAX di Amburgo. Nell’autunno del 1994 fonda il collettivo LaborGras con Arthur Stäldi. Nel 1997 e nel 1998 riceve una borsa di studio dal programma danceWEB durante le International Weeks of Dance di Vienna. Dal 1996 insegna tecniche contemporanee in varie istituzioni sia in Germania che all’estero. La sua più lunga collaborazione è stata sicuramente con il l coreografo David Hernandez per il quale lavora dal 1999 in molti dei suoi progetti. Dal 2004 collabora con Sasha Waltz & Guests, come direttrice delle prove per Impromptus, Dialogue 06 – Radialsystem V , Medea, Romeo & Juliette e Metamorphoses; dal 2008 è anche danzatrice nei progetti Jagden and Formen e Metamorphoses. Nel 2010 ha ricevuto il titolo di migliore danzatrice dell’anno nel ballet-tanz critics e nel marzo 2015 Laborgras ha vinto il premio alla cultura ‘ Kunstpreis Berlin’. Nel 2015 Renate è stata anche nominata per il German Theater Prize DER FAUST per la produzione di “Transition” (world premiere 2014 at DOCK 11, Berlin). Al momento sta lavorando ad una nuova produzione per Laborgras e danza come ospite nella Susanne Linke Company per la produzione di Hommage A Dore Hoyer.


Renate Graziadei (Altach – Austria, 1970)
born in Austria, began her dance training in Switzerland. She then went to New York for three years to study, live and work, most notably as a dancer for the Nina Wiener dance company. Upon her return to Europe, she worked with Rui Horta at the S.O.A.P. Dance Theatre Frankfurt and then moved on to the dance group COAX in Hamburg. In the fall of 1994 she established the Laborgras collective with Arthur Stäldi. In 1997 and 1998 she received a grant from the danceWEB program during the ‘International Weeks of Dance’ in Vienna. In 1997 she was additionally profiled in the critic’s survey of the magazine ballet international / tanz aktuell as ‘upcoming female dancer’. Since 1996 she has been teaching contemporary technique regularly in various institutions in Germany and internationally. Her longest collaboration has been with the choreographer David Hernandez. Since 1999 she has been closely involved in many of his productions and projects. Since summer 2004 she has been working as rehearsal director for Sasha Waltz & Guests and since 2008 she is also dancing with Sasha Waltz & Guests in the projects Jagden & Formen and Metamorphoses. In 2010, she was honored as the best female dancer of the year 2010 in the ballett-tanz critics’ survey and in march 2015 laborgras has received the Kunstpreis Berlin. In 2015 Renate was also nominated for the German Theater Prize DER FAUST for her achievement in dance in the production “Transition” (world premiere 2014 at DOCK 11, Berlin). Currently she is working on new production with laborgras and dancing as a guest for Susanne Linke Company for the production Hommage A Dore Hoyer.

 


KURT KOEGEL

WORKSHOP con KURT KOEGEL
Personificazione e Relazione nello Spazio
Coltivare scelte personali e gratificanti nel lavoro di teatro/danza – in sala e per luoghi specifici.

Il workshop è rivolto a danzatori di qualsiasi livello. La finalità è di arricchire il vocabolario di base del movimento umano di ciascuno – e la percezione stessa su cui è costruito il movimento.
La finalità è di diventare più sensibili nel nostro ambiente, acquisire una maggiore consapevolezza nello scegliere a seconda di cosa vogliamo essere e di cosa vogliamo fare e, pertanto, compiere scelte migliori e trovare un appagante senso di serenità nella composizione istantanea che attuiamo nel teatro della vita.
Un corso di “personificazione della percezione” per sviluppare l’esperienza di noi stessi, da soli o con gli altri, allo stesso modo in cui esploriamo le condizioni spaziali in ambiente urbano e/o le strutture architettoniche in esso disposte.
Il workshop prevede i temi e le attività seguenti:
. Architettura esperienziale: Esercizi pratici di percezione dello spazio con il proprio corpo. Questo lavoro offre strumenti per esplorare la domanda su: “come facciamo esperienza in spazi diversi”?
. Punti di vista della Composizione Istantanea: Il lavoro fornisce un insieme di strumenti utili al teatro fisico – un “menu” per scegliere in base a dove ci troviamo e a orientarsi nello spazio – ed esaminare le nostre relazioni con il luogo e gli altri. In questa fase inoltre, saranno trovate varie proprietà di base all’origine del movimento che useremo durante gli esercizi. Lavoreremo nello stile che io spesso chiamo “artificial natural”, un naturalismo destrutturato che conduce a un comportamento ordinario consapevole e informato.
. Documentazione e Riflessione: nel nostro approccio real-time / “Instant Composition”, lavoreremo con i “risultati dell’osservazione”, con alcuni partecipanti osserveremo l’esperimento e attraverso le parole e i segni grafici, rifletteremo su ciò a cui loro hanno assistito. Mentre in altri momenti lavoreremo con documentazione video, in entrambi i casi fuori e dentro lo spazio, usando le registrazioni per guadagnare altre prospettive.
In questo workshop esploreremo strategie pratiche per portare la nostra interiorità nel movimento e nell’improvvisazione di danza, migliorando la nostra percezione della scelta – e la nostra capacità di gustare la nostra esperienza.
Alla fine di ogni giornata di workshop, guarderemo e rielaboreremo il lavoro svolto i giorni prima, continuando con una sessione di improvvisazione on-site, e concluderemo con una dimostrazione di lavoro davanti agli amici.

Lavoro sul luogo:
Esplorazione della sensazione del proprio luogo con gli altri.
Dopo aver lavorato in studio per sintonizzarsi sul senso di sé e in relazione con gli altri - e praticare le nostre abilità di improvvisazione e composizione - avremo l'opportunità di esplorare un giardino o un paesaggio urbano.
Il lavoro di composizione all'aperto ci porterà a esplorare l'equilibrio tra attenzione interna ed esterna, a trovare un naturale senso di movimento e di interazione.
Riprenderemo (filmando) visione di queste composizioni spontanee, lasciando che la telecamera sia un "osservatore autocosciente" e partecipante alla narrazione.
Poi condivideremo i brevi video tra noi, imparando dalla nostra pratica grazie a questi elementi “osservazionali".

Costume e abbigliamento:
Il costume per il lavoro sul luogo va inteso come una versione di abbigliamento “urbano” o "di strada", che sia comodo e non troppo stretto. Meglio qualcosa che sia traspirante, con fibre naturali e che faciliti il movimento, qualcosa che vi faccia sentire comodi, seduti o sdraiati a terra.

Sarebbe meraviglioso se tutti avessero varie magliette, in modo che le persone possano coordinarsi nel gruppo di lavoro, per creare un buon senso di “costume d’insieme”.
Se possibile, è meglio portare accessori o varianti che si possano indossare o scambiare con gli altri, ad esempio: un maglione che può essere indossato sopra un altro; una gonna, pantaloni; un gilet; un cappello; una cravatta; una sciarpa.

Oggetti:
Siete invitati anche a portare con voi un "piccolo kit di accessori / oggetti”, ad esempio: un zaino preferito, una borsa a tracolla o una sorta di scialle in cui potranno essere avvolti i tuoi oggetti.
Portare un asciugamano morbido - abbastanza lungo per avvolgere la schiena o sdraiarsi (serve per esplorare il "gesto e la distorsione” del corpo). Va anche bene una grande sciarpa, un sarong o una piccola coperta; una bottiglia d'acqua o un thermos, o un piccolo set da tè e inoltre, un libro o un quaderno da disegno e qualche cosa che da scrivere o da disegnare: questo "kit" potrà essere usato per attività di osservazione - "creando un proprio luogo“ durante la pratica.

Sconsigliato:
Vestirti tutto in colore bianco o tutto in nero. Stampe e disegni o parole sui vestiti e sull’abbigliamento. (Vogliamo che l'attenzione sia sul corpo in relazione agli altri e allo spazio - non sul costume).


WORKSHOP with KURT KOEGEL
Embodiment and Connection in Space
Nurturing personal choice and fulfillment in ensemble theater/dance work – In studio and on-site.

This course is offered for dancers of every ability level. It’s focus is on enriching our basic human movement vocabulary – and the perceptual foundation that movement is built upon. Our aim is to become more sensitized in our environment, gain a greater sense of self-agency in choice-making about where we want to be and what we want to do, and thus, move towards better choices and a heightened sense of fulfillment in the instant composition of the theater of life.
A course in embodied perception for enhancing our experience of ourselves, alone and with others, as we explore spatial conditions in urban environments and architectural settings.
The workshop engages the following themes and activities:
· Experiencing Architecture: Practical exercises in perceiving space with one’s own body. This work provides tools for exploring the question of ‘how do we experience different spaces?’
· Viewpoints of Instant Composition: This work provides a physical theater toolkit – a menu for making choices about how we locate and orient ourselves in space – and examining our relationship to place and others. This work also offers basic premises for sourcing movement material to use in the exercises. We work in a style that I often refer to as “artificial natural”, a deconstructed naturalism that produces a consciously informed pedestrian behavior.
· Documentation and Reflection. In our real-time / “instant composition” approach, we will work with “observation scores”, with some participants watching the experiment and reflecting back through words or graphically drawn notes about what they witness. At other times we will work with video documentation, both from outside and within the space, using these recordings to provide another perspective.
In this workshop we will be exploring practical strategies for bringing our inner life to movement and dance improvisation, expanding our perception of choice - and our ability to savor our experience.
On the last day of the workshop we will watch an edit of work from the previous days, followed by an improvisation session on-site, and conclude with a showing for friends and family.

Site Work
Connecting to the Felt-Sense of Place with Others
After working in the studio on tuning into our felt sense of ourselves in place and relationship with others - and practicing our improvisational and compositional skills - we will venture out into the garden or townscape to explore a new level of richness as we take our work into ‘theatrical sets’ in the urban environment.
Taking our compositional work outdoors adds a level of new input and inspiration - much as actors having a theater or film set. It will also serve us in exploring the balance of internal and external focus, and finding a natural sense of movement and interaction.
We will take videos of these spontaneous compositions, exploring a sense of letting the camera be a ‘self-conscious observer’ and participant in the narrative. We will share the little videos with each other, learning from our practice in these ‘observational scores’.

Costume:
Consider your costume for the site work as a version of ‘pedestrian’ or ‘street’ clothing - that also has a comfort and looseness in it. Look for something that is comfortable, breathable, with natural fibres and that is easy to move in. Look for something that you will feel comfortable sitting or lying on the ground in. It would be wonderful if everyone can bring a few tops, so that people might coordinate in their working group, so as to create a nice sense of costumed ensemble.
If possible, look to bringing accessories or variations that you can wear or swap with others: a sweater that can be put on top; a skirt that goes over pants; a vest; a hat; a tie; a scarf.

Objects:
I would like to encourage you to bring a "little kit of accessories or props”. For example a favorite backpack, or shoulder bag, or a sort of shawl, you might wrap your objects in. I’d suggest you bringing a nice soft towel - long enough to wrap around your back or lie on. (The towel is for exploring "body gesture and distortion", and might be used to sit or lie on.) You might bring a large scarf or sarong or small blanket. Please bring a water bottle, or thermos, or you might bring a little tea set or so. Bring a book or a notebook or sketchpad, and some favorite writing or drawing things. This "kit" is something that you may use for a solo activity - "creating place" during your practice.

Avoid:
ALL WHITE or ALL BLACK clothing, Loud, dynamic prints or patterns, WORDS written on clothing. (We want the focus of attention to be on the body in relation to others and the space - not on the costume.)


 


Kurt Koegel
Kurt è specializzato nella didattica soddisfacendo gli aspetti tecnici e creativi nella danza sia per amatori, principianti e professionisti.
Dopo aver danzato a New York City, Kurt ha vissuto e lavorato in Europa dal 1988 al 2012 dove ha insegnato in festival, scuole e compagnie di danza tra le quali “Ultima Vez”, “Rosas”, “P.A.R.T.S.”, “SNDO”, “EDDC”, “SEAD”, oltre all'insegnamento in Giappone e in Corea. Dal 2007 al 2011 ha progettato e diretto il Master in Danza Contemporanea Pedagogia presso l'Università di Arti performative (HfMDK) di Francoforte.
Dal 2013 ha svolto ricerche sulla percezione, l’espressione e l'interazione sostenibile per influenzare il modo in cui viviamo attraverso il design di spazi pubblici.
Il suo lavoro attuale si concentra sullo sviluppo del nostro personale senso del luogo per coltivare una gamma più amplia di scelte per il movimento per migliorare le relazioni e la sensibilizzazione sociale nello spazio pubblico.
La sua intenzione è di condividere il lavoro che sta facendo nel campo della danza con architetti e designer emergenti.


Kurt Koegel
Kurt specializes in teaching workshops that satisfy and inspire both beginners and professional dancers.
After dancing in New York City, Kurt lived and worked in Europe from 1988 – 2012, teaching for festivals, schools and dance companies including Ultima Vez, Rosas, P.A.R.T.S., SNDO, EDDC, SEAD, as well as extensive teaching in Japan and Korea. From 2007-2011 he designed and directed the Masters in Contemporary Dance Pedagogy at the University of Performing Arts (HfMDK) in Frankfurt am Main.
Since 2013 he’s been researching how enhancing human perception, embodiment and sustainable interaction can influence how we live in, and design, public space.
His current work focuses on developing our individual sense of place; cultivating an expanded range of choice for movement in relationships; and raising awareness about how we navigate social and public space. He is also passionate about discovering what partnering skills are essential to joyful, consensual connection.
His intention is to share the work he is doing in the field of dance with emerging architects and designers.

 


CONTACT